Giovedì 26 Novembre: “Una soluzione razionale”

soluzione-razionaleImpeccabilmente interpretato, Una soluzione razionale conduce per mano lo spettatore in un gioco al massacro

È possibile pianificare a tavolino la migliore strategia da adottare quando una coppia felice, apparentemente solida, “scoppia”? Forse sì, è la soluzione “razionale” che propone Erland, marito di mezza età, che si innamora perdutamente di Karin, la moglie del suo migliore amico. Nel momento in cui tra i due esplode la passione, è lo stesso Erland a convocare i coniugi traditi e, insieme a Karin, a suggerire di vivere tutti e quattro sotto il medesimo tetto, seguendo, più o meno liberamente, le proprie pulsioni e dando, così, libero sfogo al tradimento. Nella speranza, forse, che si tratti di un’infatuazione passeggera, la piccola comunità decide di intraprendere questo esperimento, osservando regole comportamentali precise, quasi che un decalogo sia sufficiente a non far affiorare la rabbia, il dolore e la frustrazione che ben presto possono scaturire da una situazione quanto meno imbarazzante e scomoda.

Al suo primo lungometraggio, Jorgen Bergmark, di cui ricordiamo la collaborazione alla sceneggiatura e alla produzione dell’originalissimo Kitchen Stories di Bent Hamer, mette in scena le oscillazioni del cuore, scrutandone ogni più piccolo battito, attraverso i volti e i corpi dei suoi protagonisti, ben presto in balìa di quel gioco al massacro cui loro stessi hanno dato vita. Un film di “parola”, dove la scena è quella teatrale, un palco sul quale esibirsi, mettere a nudo le emozioni, appena trattenute. Impeccabilmente interpretato, Una soluzione razionale ha una struttura narrativa solida, che conduce per mano lo spettatore, in un gioco al massacro. Una pellicola bergmaniana che fa l’occhiolino alla più recente produzione danese e che in Italia verrà distribuita da Lucky Red.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *