Tumori in Lomellina

Visualizza la mappa dell’inquinamento in lomellina.

Fuga dalle città. Stando a recenti sondaggi cresce la voglia di campagna e sempre più “cittadini” stano pensando di abbandonare tutto e trasferirsi in luoghi più ameni. L’acqua e l’aria pulite aiutano il corpo a sentirsi meglio… Ma è tutto vero? In Lomellina certamente no. Non lo diciamo così a vanvera, tanto per essere contro. Lo afferma un rapporto dell’Asl di Pavia, dopo una accurata indagine in tutti gli ospedali della Provincia. E lo dicono anche tre associazioni ambientaliste: Futuro Sostenibile (Mortara), Comitato Salute e Ambiente di Parona e Vigevano Sostenibile. In una conferenza stampa hanno elencato i “mali” di questa terra e, diciamolo francamente, sono molto allarmanti. Ma basta parole e spazio alle cifre nude e crude, scaturite dopo una attenta analisi delle realtà produttive presenti in Lomellina.

Insediamenti industriali inquinanti e potenzialmente pericolosi 31

Discariche 7

Centrali (in costruzione o in attesa di autorizzazione) 7

«Questi insediamenti – ha affermato Angelo Grungo di Vigevano Sostenibile – provocano in livello di inquinamento ben più alto dei limiti fissati dalle normative vigenti per il PM10 (polveri sottili). A Parona, per esempio, per ben 90 giorni siamo stati oltre il limite e ben 38 giorni a Vigevano. A Mortara la centralina non misura i PM10, ma solo i PM 2,5, che sono abbondantemente più alti rispetto alle indicazioni della Comunità Europea».

Ma altri “numeri” sono ancor più sinistri. Il “documento di programmazione Asl di Pavia”, sostiene che le malattie riconducibili all’inquinamento atmosferico sono molto più alte rispetto alle media lombarda e italiana. In particolare i tumori all’apparato respiratorio per gli uomini è maggiore del 10,8% della media lombarda e del 19,7% di quella nazionale, mentre le malattie cardiovascolari sono (fra gli uomini) +19,7% della media nazionale e + 8,5% di quella regionale.

«Stando a questi numeri torneremo in trincea – sostiene Grungo – Perché moltii di questi impianti e centrali sono collocati fra Mortara e Vigevano. Inoltre il territorio fra Broni e Stradella ha una maggiore incidenza di tumori».

Cosa fare, dunque, per limitare i danni? Le tre associazioni hanno stilato una sorta di percorso da seguire. In particolare chiedono…

• che il monitoraggio in via telematica delle sostanze rilasciate dagli impianti non si limiti all’inceneritore di Parona ma sia esteso a tutti gli impianti che per legge rientrano negli IPPC (impianti potenzialmente pericolosi). A parona ve ne sono 4, a Mortara 5, a Vigevano 2

• che sia triplicato il numero delle centraline per il rilevamento del PM 10 e del PM 2,5 su tutto il territorio

• che vi sia il monitoraggio delle diossine (prodotte dagli allevamenti) e che sia fatto con uno studio mirato sugli allevamenti della zona

che vi sia il controllo dei metalli pesanti e di tutte quelle emissioni novice, tipo formaldeide

• che personale dell’Arpa regionale, attualmente composto da sue soli tecnici per una provincia composta da 195 comuni con 89 industrie IPPC, sia numericamente adeguato.

La strada da percorrere è ancora lunga e faticosa. Per ora resta il fatto, drammaticamente reale, che in Lomellina si muore di alcuni tumori più che nel resto del Paese. La responsabilità è solo e unicamente politica, da addebitare a tutti quegli amministratori che troppo facilmente si lasciano ammaliare da facili guadagni. A pagare siamo sempre e solo noi cittadini.

One thought on “Tumori in Lomellina

  1. Soffritti Renato

    Il sindaco di Parona e la sua amministrazione, hanno risposto alle domande dei comitati civici della Lomellina su salute, rifiuti, studi epidemiologici e centrali. In base alle risposte che hanno dato, solo dei tonti possono pensare che conoscono cosa siano questi argomenti.
    La nuova strategia dei comitati dovrebbe diventare l’aggregatore del malcontento diffuso per favorire una nuova classe politica che rispetti i principi e gli ideali in cui dichiara di credere pur mantenendo le diversità di vedute o di programma. E’ necessario farlo, perché la gente non crede più a niente e in nessuno.
    Il Commento completo sul’incontro tra l’amministrazione di Parona e i comitati l’ho pubblicata al link:
    http://www.nuovastagione.eu/index.php?option=com_content&view=article&id=44&Itemid=18&showall=1
    con il titolo: La caduta degli dei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *