Siamo a Vigevano o ad Indianapolis? – La “Nota” di Ferruccio Quaroni

indianapolis

A Vigevano, affinché si prenda una qualche misura per garantire la famosa “sicurezza” dei cittadini (ci si riferisce a quella stradale che non necessita di “ronde” ma di misure intelligenti e di polizia locale presente), occorre che succedano sfaceli.

Qualche settimana fa all’incrocio fra Via Marazzani e Via Marconi si è assistito, a causa della velocità, dell’assenza di segnaletica orizzontale e delle auto posteggiate fino ad occupare i passaggi pedonali, ad una carambola di quattro vetture come neppure si vede in autostrada: niente di serio ai passeggeri, fortunatamente, ma se fosse transitato un pedone probabilmente lo avrebbero dovuto raschiare dall’asfalto.

Vigevano è così d’altronde: l’estate “sicura” della Giunta si esaurisce in Piazza Ducale, dove staziona l’immancabile furgoncino della Polizia locale e si concretizza in pochi “raid” notturni che, essendo stati preannunciati si risolvono in qualche multa, tanto risultano “disciplinati” gli automobilisti e i biker che di solito si comportano come ad Indianapolis…
A proposito: non sarebbe il caso di cambiare il luogo di “appostamento” di tutti i tipi di Polizie davanti alle Poste che ormai conoscono anche i gatti? Comunque da qualche giorno, come conseguenza dell’incidente di cui sopra, nelle due Vie citate sono comparsi simpatici operai africani addetti alla segnaletica (meno male che portano via il lavoro agli italiani, visto che di giovani “indigeni” disposti a sgobbare sotto il sole ce ne sono pochini…) che hanno disegnato strisce nuove fiammanti delimitando, solo in Via Marconi (mistero dei tecnici comunali), gli spazi dove è possibile parcheggiare in sicurezza e il segnale di “stop” cancellato dall’incuria degli anni…
E nel resto della Città? Dobbiamo attendere che “piallino” qualche vecchietto o entrino dentro qualche vetrina per vedere approntate misure minime di “sicurezza”?
E perché non si posizionano dei dissuasori per evitare le alte velocità su gran parte delle strade scegliendo invece di toglierli come avvenuto in Via Rocca Vecchia (dove si assiste, non solo di notte, ad autentiche gare ed accellerate con sgommate a profusione)?
Vigevano, lo ripetiamo, sta diventando più brutta ed insicura anche perché ci si limita ad asfaltare strade (così che le macchine corrano di più e meglio) e non si pensa al decoro urbano, all’arredo, a rendere l’ambiente più vivibile e piacevole favorendo l’uso della Città per i pedoni e le biciclette.
Qui sembra di vivere in un altro mondo: non diciamo ai solerti assessori della Giunta uscente di andare a prendere spunti in città simili alla nostra di Francia, Svizzera e Germania (che sono vicine, europee, abbastanza “celtiche”, anzi più di noi.. e decisamente più avanti da decenni), basta prendere spunti da altre Città italiane, alcune delle quali amministrate dal centro-destra, tra l’altro.
Qui ci si pavoneggia per il Palasport che verrà inaugurato giusto in tempo per il derby con Pavia: ma che notizia avvincente e risolutiva per Vigevano!
Panem (sempre più caro) et circensem…
E per raggiungere il nuovo costosissimo Palasport, che sembra una brutta astronave aliena, mi raccomando, strade belle sgombre dove si possa razzare indisturbati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *