Pendolari: oltre ai problemi anche le incomprensioni

Riceviamo e pubblichiamo
COMUNICATO STAMPA
Dopo aver appreso dai giornali che l’assessore provinciale ai trasporti, Michele Bozzano, si è recentemente recato in Regione per consegnare una raccolta firme promossa da pendolari vigevanesi, a noi ignoti e che invitiamo a partecipare attivamente alle numerose attività del Coordinamento, raccolta firme che peraltro si è sovrapposta alla nostra già pre-esistente, riteniamo opportuno chiarire – anche per non ingenerare confusione nell’utenza pendolare, che questa raccolta supportata dall’assessore non è la nostra, la quale invece è incentrata ad affrontare (oltre all’anticipo del treno 10324) e risolvere anche numerose altre criticità di questa tratta ferroviaria in sofferenza che intendiamo discutere in Regione il 5 marzo p.v. e che abbiamo anticipato con istanza del 13 gennaio diretta all’Assessore Regionale Cattaneo, di cui l’assessore Bozzano aveva pure copia.
Non comprendiamo il motivo per cui un Assessore Provinciale ai trasporti non abbia ritenuto opportuno avvisarci di questa consegna in Regione, dal momento che, essendo egl perfettamente a conoscenza della nostra raccolta firme (iniziata ben prima), essendo il nostro Coordinamento accreditato sul territorio per serietà e competenza nelle svolgimento delle proprie attività ed, infine, ricoprendo il Bozzano un ruolo istituzionale non comunale, ma provinciale, avrebbe potuto in questo modo rappresentare in Regione una realtà molto più ampia che quella esclusiva degli utenti vigevanesi del treno 10324.
Purtroppo a tutt’oggi non siamo stati contattati nè informati di questa sua iniziativa e pertanto le nostre numerose firme verranno consegnate direttamente a mani dell’Assessore Regionale Cattaneo al tavolo del 5 marzo e con esse saranno evidenziati una serie di richieste relative a treni della Mortara-Milano che hanno identici problemi di rispetto della puntualità, nonché evidenti condizioni di sovraffollamento. Ci risultava doveroso fare questa precisazione per non ingenerare confusione o dubbi nell’utenza che ha partecipato alla nostra più ampia raccolta firme.
Ci rammarica inoltre che l’Assessore Bozzano, che così premurosamente si è fatto portavoce dei pendolari vigevanesi, non abbia mostrato sino ad ora altrettanta disponibilità nei confronti dei pendolari del sud-pavese, non partecipando all’importante tavolo regionale del 14 febbraio, né inviando alcun funzionario dall’Assessorato Provinciale ai trasporti. In questa sede, il nostro Coordinamento ha consegnato alla Regione 704 firme frutto della collaborazione pendolari del sud-pavese che abbiamo rappresentato da soli al tavolo regionale, dovendo riscontrare che, al contrario di noi, tutti gli altri comitati pendolari (Lodi, Cremona, Mantova) erano affiancati dalle rispettive Autorità Provinciali e che i Mantovani hanno persino ottenuto un rinnovo del parco rotabile che sarebbe stato necessario, come da noi più volte evidenziato, anche per il sud-pavese.
Ciò premesso, considerata:
–  la gravità dell’assenza da parte dell’Assessore Bozzano al tavolo regionale Quadrante Sud del 14 febbraio;
– l’assenza di riscontri da parte sua alla nostra istanza del 13 gennaio scorso per la quale chiedevamo un supporto attivo anche alla Provincia di Pavia;
– che sinora l’Assessore si è limitato a portare avanti e presso la stampa un’unica questione (l’anticipo del treno 10324), pur conscio delle innumerevoli criticità della Mortara-Milano da noi sottopostegli ed alle quali non abbiamo avuto risposta;
– che l’Assessore ad oggi non ha fatto alcuna menzione all’utenza della esistenza di una proposta TRENORD sull’anticipo del 10324 inviata contestualmente all’Assessore e a noi Comitati Pendolari, il 26 febbraio scorso e sulla quale sino ad oggi non si è mostrato disponibile ad alcun confronto; detta proposta da noi pubblicata sul blog a pannaggio dell’utenza è tutt’ora oggetto di confronto fra i pendolari al fine di consentirci di portare in Regione una risposta condivisa dal territorio (non solo da Vigevano, naturalmente);
ritenendo doveroso che un Assessore Provinciale si occupi ed abbia a cuore l’intero territorio provinciale e non solo un’area circoscritta dello stesso, ci auspichiamo che stavolta vorrà non solo presenziare personalmente al tavolo del 5 marzo, ma anche supportare attivamente la nostra raccolta firme per la linea Mortara-Milano.
Iolanda Nanni
a nome e per conto del
Coordinamento Provinciale Pendolari Pavesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *