Interrogazione di Civiltà Vigevanese sulla raccolta e smaltimento differenziato dei rifiuti

Interrogazione dei consiglieri di Civiltà Vigevanese relativa alla raccolta dei rifiuti e conseguente smaltimento della frazione differenziata a Vigevano.

PREMESSO CHE:

  • con Dlgs. 152/2006 art. 205 sono previste sanzioni in conformità all’art. 3 comma 24 della legge n° 549 del 1995, per quei comuni che non hanno raggiunto la quota del 45% di raccolta differenziata dei rifiuti entro il 2008 e per quelli che non raggiungeranno la quota del 65% entro il 2012 (a titolo di riferimento il nostro comune si attesta ad oggi al di sotto del 30%)
  • l’amministrazione comunale ha già provveduto a comunicare un aumento del 11% della tassa sui rifiuti al fine di un raggiungimento entro il 2011 di una quota di raccolta differenziata pari al 50%
  • tale proposito risulta essere in conformità al piano provinciale per la gestione dei rifiuti urbani denominato scenario 50%, il quale ipotizza un aumento del costo della tassa rifiuti pari al 10,1%

CONSIDERATO CHE:

  • in campagna elettorale la Lega aveva assunto tale impegno sapendo di adeguarsi semplicemente ad una direttiva provinciale, ma evitando accuratamente di informare la collettività del conseguente aumento di tassa sui rifiuti (proponimento forse impopolare?)
  • sulla stampa locale sono apparse dichiarazioni del presidente di ASM-ISA Battaglia in

risposta ad una interrogazione di Civiltà Vigevanese riguardante la raccolta dei rifiuti al cimitero, le quali medesime individuavano una responsabilità a carico di cittadini inadempienti e poco scrupolosi nel differenziare i rifiuti, anziché prodigarsi in una opportuna autocritica motivata da scarsa organizzazione in loco e conseguente informazione-formazione della cittadinanza allo scopo. Tale pratica risulta purtroppo non nuova per la Lega, la quale con la precedente amministrazione aveva già avuto modo di scaricare colpe immotivate sui cittadini dell’unico quartiere vigevanese interessato dal fallimento della raccolta differenziata dei rifiuti porta-porta. I consiglieri di Civiltà Vigevanese ritengono azzardato scaricare colpe simili sui vigevanesi, senza aver prima fornito mezzi adeguati a permetter loro di dimostrare il giusto impegno

  • da uno studio condotto dalla Regione Lombardia si evince come la scellerata pratica dell’incenerimento dei rifiuti (chiamata impropriamente recupero energetico) nei territori che ne fanno maggior uso si traduce in un maggior costo a carico dei cittadini, mentre conseguentemente la raccolta differenziata porta ad una riduzione dei costi

I consiglieri di Civiltà Vigevanese per ora non intendono pensare che l’amministrazione abbia applicato un aumento di tassa del 11% senza coerentemente rispettare l’impegno preso, evidenziando una premeditazione per introitare risorse senza il conseguente raggiungimento degli obiettivi e
INTERROGANO IL SINDACO:
– sulla opportunità di inserire nel sito internet di ASM-ISA i dati sempre aggiornati sulla quantità di materia differenziata raccolta, la sua tipologia, l’introito percepito dal suo conferimento alle varie società convenzionate, riferiti al comune di Vigevano (ad oggi tali dati sono disponibili a livello provinciale, scarsamente a livello comunale e di complicata reperibilità per un semplice cittadino che voglia informarsi sui risultati raggiunti con i propri sforzi e senso civico). Ovviamente la conoscenza di tale sito internet andrebbe ampiamente divulgata presso la collettività in modo da incentivare il cittadino a fare sempre meglio potendo monitorare costantemente il risultato del proprio impegno.

  • sulla odierna esistenza e funzionalità nelle nostre scuole del progetto “Ecoscuole” promosso dalla provincia di Pavia al fine di sensibilizzare la popolazione in merito alla raccolta e gestione dei rifiuti.
  • per sapere quali sono gli attuali introiti per ASM derivanti dalla vendita della frazione differenziata presso le società convenzionate, le tipologie e relative quantità di materia conferite.
  • per avere conferma esplicita e pubblica che all’inceneritore di Parona non vengano o non siano state in nessun caso, combuste le frazioni di rifiuto in passato o attualmente, raccolte e differenziate.
  • per sapere a quanto ammontano ad oggi le sanzioni patite nel corso degli anni dal nostro comune relative ad inadempienze legate alla insufficiente raccolta differenziata dei rifiuti

Si chiede risposta al primo consiglio comunale utile.

I consiglieri di Civiltà Vigevanese

Silvano Migliavacca – Fiorella Valvo – Carlo Pizzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *