FS: Milano-Mortara sempre più scandalosa! Leggi le testimonianze

Riceviamo e pubblichiamo
A proposito della ennesima debacle del sistema ferroviario di stamattina, Vi inviamo alcune delle centinaia di testimonianze di pendolari di varie linee ferroviarie pavesi che meritano da parte vostra ascolto, riscontro e risarcimento per i danni subiti. Ogni testimonianza è firmata. In allegato, trovate anche un bollettino completo di ritardi e soppressioni su tutte le linee pavesi (quelle linee dove soppressioni e ritardi sembrano POCHE sono in realtà dovuto al fatto che i treni stessi sono POCHI, quei pochi disponibili sono stati pure soppressi!)
Non pensiate che, per risarcire il monte ore di permessi di cui migliaia di utenti stanno usufruendo, sia sufficiente un misero bonus del 20%. Stando così le cose reputiamo opportuno essere rimborsati INTEGRALEMENTE dell’abbonamento ferroviario pagato per il mese di febbraio 2012, in quanto l’azienda trasporti ha violato il contratto di servizio nell’incapacità di garantire un servizio pubblico di trasporto funzionale ed efficiente.
Sappiate che, in paesi come la Polonia, dove oggi le temperature sono pari a una media di -23°C, abbiamo testimonianza che i treni funzionano regolarmente, anche con le gelate a -23° le porte non si bloccano. E gli interni sono caldi. Alle fermate degli autobus in centro, ci sono dei falò a legna per riscaldarsi. Le scuole funzionano regolarmente anche nella più orientale Bialystok, dove hanno sfiorato i -30° di minima!
I nostri treni invece hanno porte bloccate, carrozze congelate, locomotori guasti, sui pochi che funzionano si viaggia come sardine (vedasi foto allegata estratta oggi sul treno delle 7.22 da Vigevano) e si ha la totale incertezza sull’orario di arrivo.
Iolanda Nanni
portavoce del
Coordinamento Provinciale Pendolari Pavesi
ECCO ALCUNE SIMBOLICHE TESTIMONIANZE DALL’UTENZA:
 Antonio, un pendolare di VOGHERA diretto a Milano:
Cari colleghi pendolari,
facendo un piccolo esercizio di stile, voglio raccontarvi della mia esperienza di viaggio odierna.
Arrivo in stazione a Voghera alle 07:00, con la speranza di poter parcheggiare come tutte le mattine in uno dei due parcheggini di Via Meucci. Purtroppo ciò risulta praticamente impossibile, visto che entrambi i parcheggi non sono stati ripuliti dal Comune, e risultano essere due vere e proprie piste da pattinaggio su ghiaccio…
Parcheggio dunque all’Esselunga (almeno loro puliscono!) e mi fiondo in stazione, ma ormai il 2882R delle 7:14 è andato… Mi tocca aspettare il 2514 delle 07:41.
Sono nel sottopassaggio. Il monitor è un campo di guerra pieno di ritardi che arrivano fino ad uno spettacolare treno in ritardo di 330 minuti…!!!! Per fortuna il treno delle 07:41 sembra in ritardo di “soli” 5 minuti.
Il monitor annuncia l’arrivo del treno sul binario 4 invece che sul solito binario 5, ma nonostante l’annuncio passano 10 lunghi minuti, passati sulla banchina a -13° prima che il treno arrivi (quindi con 15 minuti di ritardo invece che i 5 minuti che il tabellone ancora segnava).
Proviamo a salire, ma le porte sono tutte ghiacciate e non si aprivano. Gli sforzi miei e di altri passeggeri riescono a far aprire le porte almeno di quel minimo che consenta la salita di una persona per volta. Mentre stiamo salendo, l’altoparlante ci comunica che il treno si fermerà a Voghera per un po’, per far passare davanti l’IC delle 07:35 che aveva 30 minuti di ritardo. Ovviamente NON ci viene consentito di salire sull’IC senza supplemento…
Risultato: il treno 2514 delle ore 07:41, lascia la stazione di Voghera alle 08:05 circa, con 25 minuti di ritardo. Arriviamo a Pavia alle 08:31, con 30 minuti di ritardo (il tabellone ne segna solo 20). Solita scena per cercare di far aprire le porte e far scendere/salire i passeggeri.
I passeggeri di Pavia ci informano che, essendo bloccata la S13 (limitata a Rogoredo per un problema tra Rogoredo e Locate), il nostro treno farà tutte le fermate fino a Milano…
Arriviamo a Rogoredo poco prima delle 09:30, con un ritardo di 70 minuti. Scendere è la solita impresa, del sottopassaggio poi non ne parliamo.
Sono arrivato in ufficio alle 10:00 in punto.
E ora la mia domanda: ma si può uscire di casa alle 06:30 per arrivare in ufficio alle 10:00?
Antonio
*  *  *
Sabrina, una pendolare di VOGHERA diretta ad Alessandria:
Egregi Signori,
mi chiamo Sabina xxx e sono una pendolare che ogni santo giorno parte da Voghera per andare a lavoro ad Alessandria.
Solitamente utilizzo il treno 6084R o al massimo, in caso di ritardi o problemi, il treno 2062RV, che sono gli unici treni che mi consentono di arrivare in orario al lavoro!!
Bene: sia venerdì 3 febbraio, sia stamattina 6 febbraio, questi due treni sono stati SOPPRESSI, ed io non sono riuscita ad andare al lavoro, trovandomi costretta per due giorni consecutivi, a prendere dei giorni di ferie che nessuno mai mi rimborserà.
Posso cortesemente sapere cosa sta succedendo a questi treni?
E, soprattutto, posso cortesemente sapere se e quando questi treni verranno ripristinati, e se per caso è stato previsto un servizio sostitutivo al loro posto?
Va bene il maltempo, ma né venerdì né oggi c’erano problemi di neve, e comunque non è che uno può dire al suo datore di lavoro “ci rivediamo a lavorare in primavera, quando Trenitalia decide di far ripartire la circolazione dei treni a disgelo avvenuto”!!!!
Vi prego di darmi una cortese e pronta risposta, così almeno mi organizzo e, nonostante il mio abbonamento mensile (AUMENTATO QUESTO MESE DEL 18%!!!) me ne vado a lavorare in macchina.
Poi sentirete di me solo attraverso il mio avvocato..
Grazie mille di tutto, di sentito cuore!!
Sabina
P.S.: Questa email viene inviata per conoscenza al Comitato Pendolari di Pavia e Prov
*  *  *
Simona, pendolare di STRADELLA diretta a Milano:
Anche quest’oggi una nuova giornata di passione per i Pendolari dell’Oltrepò Pavse che spero vorrete portare all’attenzione dei nostri colleghi pendolari e delle Istituzioni..
Il termometro è sceso a -15 nelle prime ore della giornata e Trenitalia, come è ormai purtroppo consuetudine, ha alzato bandiera bianca.
Ecco l’elenco della nuova disfatta:
– Regionale 20252 in partenza da Stardella alle 5.55 x Milano giunto a destinazione con 18 minuti di Ritardo
– Regionale 20254 da Stardella alle 06.10 x Milano giunto a destinazione con 83 Minuti di ritardo
– Regionale 20256 da Stardella alle 6.48 x Milano giunto nel capoluogo con 62 minuti di ritardo
– Regionale 10890 da Stradella x Bressana B. delle 7.19 soppresso ancora una volta
– Regionale Veloce da Asti x Milano con Fermata a Bressana delle 7.51con 72 minuti di ritardo
– Regionale 20260 da Stradella x Milano delle 7.55 arrivato con SOLI 46 minuti di ritardo.
– Regionale 20264 da Stradella x Milano delle 8.55 non è ancora giunto a destinazione e sta viaggiando con 99 minuti di ritardo.
La situazione è chiaramente insostenibile, e paventiamo cosa potrà accadere questa sera in occasione del nostro “tentativo” di far rientro a casa!
*  *  *
Paolo, pendolare S13, da Pavia a Milano:
Amici del Coordinamento Pendolari,
come ben saprete, oggi Bollettino da guerra per disagi, ritardi, freddo, annunci sbagliati, treni affollati e chi più ne ha più ne metta…
 
Treno suburbano delle 7,09 cancellato, ho preso treno delle 7,00 da Sestri Levante partito però alle 7,15 (15 minuti al freddo sul binario) con annunci ripetuti che era in arrivo e non arrivava mai!!!
Salito rimasto nell’ingresso anche lì un freddo da non dire.
Dopodichè fa tutte le fermate e lì puoi immaginare la calca che si è formata e aggiungete fermate intermedie in campagna.
Ora di arrivo a Rogoredo 8,15 circa praticamente un’ora per pochi chilometri.
Unica fortuna correndo al primo binario tra gente che andava e gente che veniva
(con sottopassaggio ancora in cantiere-restauro) riesco a prendere il passante per Dateo.
Praticamente al lavoro ho timbrato alle 08,40.
Cioè circa un’ora e quaranta di pendolarismo
e in queste condizioni!!!
Chissà stasera al rientro.
*  *  *
Simone, pendolare di Voghera, diretto a Milano:
Vi segnalo che stamattina il 2882R in partenza da Voghera alle ore 7:14 era composto da 5 carrozze di cui le ultime due senza luce/riscaldamento. A causa della soppressione del treno da Stradella, il 2882R ha effettuato TUTTE le fermate tra Voghera e Pavia e poi TUTTE le fermate tra Pavia e Milano Rogoredo (i pendolari saliti a Pavia hanno detto che anche l’S13 delle 7:39 era stato soppresso, ma non sono sicuro), arrivando a Mi Rogoredo con 36′ di ritardo. Ovviamente la situazione di sovraffollamento sul treno era tale che non tutti i viaggiatori delle stazioni intermedie sono risuciti a salire! Arrivato a Milano Rogoredo il tabellone degli orari dei treni in arrivo segnava TUTTI i treni con ritardi dai 20′ ai 90′ più alcune soppressioni, mentre il tabelllone dei treni in partenza era vuoto (spento). Chissà come sarà il ritorno di stasera e per domani hanno messo ancora neve! Superfluo dire che la settimana scorsa ho dovuto usufruire di permessi lavorativi orari per via dei ripetuti ingressi ritardati e venerdì 3 ho chiesto un giorno di ferie. Grazie Trenitalia/Trenord per l’efficienza e la qualità del servizio dato! Come al solito i pendolari pagano sempre di più a fronte di un servizio sempre più scadente! senza contare che il Bonus non viene mai (a parte due volte negli ultimi 5 anni) riconosciuto e quando ciò avviene non è valido per gli abbonati CRT e Intercity con estensione regionale (come se questi non subiscano ritardi, disagi e aumenti). Questo reclamo, come i precedenti, è stato inoltrato al Coordinamento Pendolari Pavesi e alle Istituzioni.
*  *  *
Gaetano, pendolare di Corteolona, diretto a Pavia (linea ferroviaria Codogno-Pavia):
Reclamo a Trenord e Regione Lombardia, inviatoci in copia.
Treno 5024 da Corteolona per Pavia SOPPRESSO . Nessun annuncio fatto nella stazione . Se il bus sostitutivo non passa dalla stazione e non ci viene annunciato  come facciamo a saperlo ??????
Treno 5026 da Corteolona per Pavia ritardo di 25 minuti. Nessun annuncio fatto nella stazione . Porte che non si aprivano e, dove si aprivano, non si richiudevano!
Siamo arrivati a Pavia alle ore 7:55 !
Siano rimasti nella stazione al ghiaccio dalle 6:35 …….. senza sapere nulla …..
Invece di stare alle scrivanie prendete qualche volta i treni e provate cosa significa …..
 
Testimonianza in forma di dialogo postata da due pendolari vigevanesi della linea Mortara-Milano:
 
Antonella:Il treno 10504 (da Vig ore 6.46) è annunciato con 30 minuti di ritardo alle 6.46. Ma se arriva da mortara come fa ad accumulare 30 minuti di ritardo? 6.46 più 30 fa 7.16. Non è che poi lo fanno saltare per quello dell 7.21?
Ancora Antonella: “treno 10504 soppresso. Sono le ore 7.46 il treno 10324 non è ancora partito. Siamo tutti stipati, un bimbo sta male. Adesso a vigevano hanno annunciato anche l’arrivo di quello da mortara. Guasto tra abbiategrasso e vigevano? I servizi informativi sono inesistenti!”
 
Valeria:Antonella siamo sullo stesso treno..seconda o terza carrozza a sardina, ma almeno calda..come sta il bambino che è svenuto? Da noi ad abbiategrasso abbiam litigato perché gli abbiatensi tentavano di salire nonostante non ci fosse più spazio nemmeno per uno spillo..momento di tensione quando abbiam fatto notare che hanno due autobus da poter prendere come alternativa..Ah, in tutto ciò, ore 8.35, siamo tra Albairate e Gaggiano”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *