158 morti sul lavoro dall’inizio dell’anno

Dall’inizio dell’anno al 12 aprile, per infortuni sui luoghi di lavoro ci sono stati 158 morti, che salgono a 306 se si aggiungono i lavoratori morti sulle strade e in itinere. Sui luoghi di lavoro erano 132 il 12 aprile 2010. l’aumento percentuale delle vittime è del 19,2%. Le regioni con più vittime nel 2011 sono: Lombardia 21 vittime, Emilia Romagna 17, Sicilia con 16 vittime, Piemonte 15. Da sottolineare che la causa principale di morte è il precariato, persone ridotte a “merce silenziosa” anche sulla “sicurezza” per non essere licenziate.

Le ultime vittime: Pierpaolo Pulvirenti, Pavel Berbace, Ferruccio Govi, Serafino Angelini.

Pierpaolo Pulvirenti, 25 anni, è uno uno dei due operai colpiti da un getto di ossido di zolfo mentre stavano pulendo un impianto nello stabilimento petrolchimico della Saras a Sarroch in provincia di Cagliari.

A questi occorre aggiungere, purtroppo, altri grandi numeri:  

24.8112 infortuni e

586 invalidi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *