L’ORDINE DELLE COSE giovedi 22 e venerdi 23 marzo

L’ORDINE DELLE COSE

GIOVEDI 22 MARZO ORE 16,00 E 21,15

VENERDI 23 MARZO ORE 21,15

Durata: 112’. Regia: Andrea Segre. Anno: 2017. Origine: ITALIA, FRANCIA. Genere: Drammatico. Soggetto: Marco Pettenello, Andrea Segre. Sceneggiatura: Marco Pettenello, Andrea Segre. Fotografia: Valerio Azzali. Musiche: Sergio Marchesini. Attori: Paolo Pierobon (Corrado Rinaldi), Giuseppe Battiston (Luigi Coiazzi), Valentina Carnelutti (Cristina).

TRAMA: Corrado è un alto funzionario del Ministero degli Interni italiano specializzato in missioni internazionali contro l’immigrazione irregolare, viene scelto per affrontare una delle spine nel fianco delle frontiere europee: i viaggi illegali dalla Libia verso l’Italia. Corrado, insieme a colleghi italiani e francesi, si muove tra stanze del potere, porti e centri di detenzione per migranti. La sua tensione è alta, ma lo diventa ancor di più quando infrange una delle principali regole di autodifesa di chi lavora al contrasto dell’immigrazione, mai conoscere nessun migrante, considerarli solo numeri. Come tenere insieme la legge di Stato e l’istinto umano di aiutare qualcuno in difficoltà?

NOTE
– FILM RICONOSCIUTO DI INTERESSE CULTURALE CON CONTRIBUTO ECONOMICO DEL MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO.
– FILM PATROCINATO DA: AMNESTY INTERNATIONAL ITALIA, MEDU, NAGA.
– PROIEZIONE SPECIALE ALLA 74. MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CINEMATOGRAFICA DI
VENEZIA (2017), HA OTTENUTO LA MENZIONE SPECIALE DEL PREMIO HUMAN RIGHTS NIGHTS
AL CINEMA DEI DIRITTI UMANI.

CRITICA:  “Gli avvenimenti delle ultime settimane hanno reso ancor più attuale il film di Andrea Segre (…) si tratta di un film bello e importante, che parla di migranti e profughi in maniera precisa, emozionante, senza retorica e senza colpi bassi dimostrando soprattutto che il cinema può avere i mezzi per andare in profondità, per cercare il filo di un discorso intrecciando vicende individuali e collettive.’’ (E. Morreale, ‘La Repubblica’ , 1 settembre 2017)

Edoardo Salluzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *