24 giorni di Festa!

Si parte. Finalmente!

logofestaVenerdì 3 luglio, e sino a domenica 26 compresa, si apriranno le porte del giardino di Palazzo Esposizioni per una manifestazione che, da quest’anno, vede lavorare insieme quattro diverse e affermate realtà locali: l’associazione culturale La Barriera, Caritas, la Cooperativa Altro Spazio (che si occupa del commercio equo e solidale in città) e la società sportiva La Sgommata. Saranno tre settimane intense, ricche di avvenimenti e che vedranno la partecipazione di numerosi ospiti importanti.

Naturalmente, tutto senza dimenticare l’ormai rinomata cucina, da sempre cuore pulsante di questa festa. Gli organizzatori non sono semplicemente quattro associazioni che si sono uniteper gestire lo spazio che è stato loro concesso dall’Amministrazione. No, si tratta di realtà che condividono anche un forte attaccamento a valori importanti come la solidarietà, l’accoglienza, la legalità e il rispetto per le diversità. Sensibilità verso tematiche care, sentieri “battuti” da chi si è sempre impegnato per affermare una cultura e un’idea di società che superi i luoghi comuni, esulando dall’aforisma “l’importante è apparire”.

Già da anni questi soggetti lavorano in sintonia su questi temi e nell’organizzazione di questo genere di manifestazioni. Dunque, i visitatori che verranno a trovarci all’Impero (il nome con cui i vigevanesi più anziani ancora usano designare questo spazio, deputato sino agli anni settanta ad ospitare feste danzanti), oltre al classico e sempre ottimo ristorante, troveranno un mondo diverso, una Vigevano accogliente, quella che ci piacerebbe trovare e vivere per tutto l’arco dell’anno, in perfetta sintonia con chi la visita. La preziosa esperienza maturata lo scorso anno ci ha indotto a continuare in questa avventura, supportati e incoraggiati da splendidi e preziosi compagni di viaggio. Un viaggio alla scoperta di un luogo, da sempre caro alla città, che potrà finalmente rinascere a nuova vita, anche se per soli ventiquattro giorni, ma che testimonia di come sia possibile, se alimentati da sincero entusiasmo e convinzione, restituire alla città e alla fruizione spazi dimenticati e angoli destinati all’oblio. Perchè un luogo frequentato, partecipato è un luogo sicuro. Anche senza un florilegio di manganelli, pistole, ronde e telecamere: la città può tornare a risplendere, ad essere vitale e godibile anche solo vivendola intensamente ed occupandola pacificamente. Come dicevamo, oltre agli eventi culturali, ai concerti, alle rappresentazioni teatrali, gli incontri con gli autori e le “lezioni” di filosofia, presteremo particolare cura al richiamo della pancia: alla cucina. Particolare di non poca importanza, soprattutto in Lomellina: il nostro ristorante sarà interamente protetto dalle zanzariere! Il nostro cuoco poi non mancherà di inserire, accanto ai nostri pezzi forti tradizionali (pesciolini, calamari, carne alla griglia…), anche nuove ricette che allargheranno i nostri orizzonti ben al di là della tipica cucina lomellina e lombarda. Dunque ritroveremo sicuramente la fiorentina, i piatti di formaggi, lo gnocco fritto, le rane e tutte le altre specialità che formano il marchio di fabbrica della nostra festa. Accanto a loro, però, particolari serate “a tema” saranno dedicate anche alla cucina “etnica”, che già nelle scorse edizioni ha riscosso notevoli apprezzamenti. Particolare risalto sarà inoltre, come sempre, dato alla “cantina”. Ottimi vini, provenienti da diverse regioni italiane, birre alla spina e artigianali potranno soddisfare anche i palati più raffinati.

Naturalmente il tutto, come nostra tradizione, senza aggiungere al prezzo di listino il coperto e offrendo a tutti una delle migliori bibite in circolazione: l’acqua naturale. La piazza della festa, che accoglierà anche un’area allestita con i giochi per i più piccoli, sarà il luogo nel quale si potrà assistere a performance di artisti di strada e interventi musicali acustici. Non mancherà, naturalmente, un’ampia e fornitissima libreria. Anche la parte più prosaicamente “commerciale” avrà la sua ribalta, con l’allestimento di alcuni stand che saranno gestiti da altre associazioni. Ma adesso non vogliamo più rubarvi ulteriore tempo in chiacchiere, quindi vi lasciamo a sfogliare questo ricco opuscolo che vi illustrerà tutto il programma della manifestazione, a partire dai vari menù fino al calendario di tutti gli eventi in cartellone, da quelli seri a quelli più d’evasione, sempre comunque culturalmente validi. Ma non preoccupatevi: per quanto abbiamo cercato di essere accurati e dettagliati, le sorprese dell’ultima ora non mancheranno sicuramente.

E ora: squillino le trombe e si dia inizio ai festeggiamenti!

Scarica l’opuscolo completo

Il menù fisso

Il menù su prenotazione

Il listino dell’enoteca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *