LOVING giovedi 7 e venerdi 8 dicembre

LOVING

giovedi 7 dicembre ore 16,00 e 21,15

venerdi 8 dicembre ore 21,15

Durata: 123’. GRAN BRETAGNA, USA 2016. Genere: Drammatico. Regia: Jeff Nichols. Attori: Joel Edgerton – Richard Loving, Ruth Negga – Mildred Loving, Marton Csokas – Sceriffo Brooks, Nick Kroll – Bernie Cohen. Sceneggiatura: Jeff Nichols. Musiche: David Wingo.

TRAMA: Ispirato a una storia vera di una coppia mista, Richard e Mildred Loving, che si sono innamorati e sposati nel 1958. I due giovani sono cresciuti in una cittadina della Virginia, dove per la loro unione vengono condannati al carcere e all’esilio e quindi costretti a trasferirsi con i figli in un modesto quartiere di Washington, D.C. I due trovano difficoltà ad essere accettati dall’ambiente circostante e Mildred sente anche il bisogno di tornare in Virginia. Il caso “Loving contro Virginia” arriva così alla Corte Suprema nel 1967, sancendo una vittoria nella battaglia per i diritti civili e riaffermando il diritto fondamentale di sposarsi senza barriere razziali. Richard e Mildred infine sono tornati a casa e la loro storia d’amore è diventata un modello per molte altre coppie dell’epoca.

NOTE
– BASATO IN PARTE SUL DOCUMENTARIO “THE LOVING STORY” DI NANCY BUIRSKI.
– IN CONCORSO AL 69. FESTIVAL DI CANNES (2016)
– CANDIDATO AI GOLDEN GLOBES 2017 PER: MIGLIOR ATTORE (JOEL EDGERTON) E ATTRICE (RUTH NEGGA) PROTAGONISTI
– RUTH NEGGA È STATA CANDIDATA ALL’OSCAR 2017 COME MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA.

CRITICA: “al trentottenne regista americano sono bastati pochi titoli (…) per rivelare una personalità tra le più interessanti dell’ultimo decennio. Sarebbe ora, dunque, che il pubblico italiano lo ‘scoprisse’; e l’occasione è ‘Loving’, dramma a soggetto razziale ispirato a una
storia vera, presentato in concorso a Cannes e candidato all’Oscar per la migliore protagonista femminile. (…) Con uno sguardo limpidamente umanista, ‘Loving’ osserva i sentimenti e le reazioni dei suoi personaggi senza declamarli…”
(Roberto Nepoti, ‘La Repubblica’, 16 marzo 2017)

Edoardo Salluzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *